SCREEN

Layout

Cpanel

Valsesia 2007

1° Raduno degli amici del Club Pinna Blu 
Italia  12/05/2007 di Rinaldo Morellato (Aldo42)

In questo 1° raduno del 12 Maggio 2007, due furono gli obiettivi sicuri e scontati:

1) L'area attrezzata del Mastallone (già collaudata l'anno prima) per bivaccare a mezzogiono, e "parcheggiare" viveri, fidanzate, mogli, figli e parenti appresso......

2) La cena da Marco nel suo nuovo ristorante di Varallo

I rimanenti progetti della giornata cioè:

3) in quale riserva andiamo a pescare??..

4) come formiamo le squadre??...


furono guidati dalla fantasia, dall'istinto, che è la qualità migliore che contraddistingue il nostro "gruppo pittoresco ".


Cominciamo dall'inizio della giornata.....
Il ritrovo è alla stazione di Varallo dove tutti arriviamo +/- alle 10; il dilemma principale nasce per la scelta del tipo di riserva dove andare.....ma non viene risolto....e DarioB decide:"..andiamo prima al bivacco poi decideremo!...."....Dario, sentiva prepotente il bisogno di "spararsi" 3/4 etti di focaccia ligure con le cipolle.....è un raaagazzo!!
Ripartiamo per il Mastallone e, come tutti gli anni, quando si preannuncia l'arrivo di Ghost in valle, capita sempre qualche avvenimento fuori del normale..
Le "vedette" locali non potevano immaginare che per piantare un cartello di avviso:

"ATTENZIONE - GHOST STA PER ENTRARE IN VALLE".. ..sarebbe successo un disastro del genere...
Dopo questo "incidente" fu chiaro che la presenza in valle del "gruppo pittoresco " non era passato inosservato, anche perchè, come prima mossa, occupiamo tutto il parcheggio a disposizione della zona.
Ghost che tutti gli anni ne inventa una si fa fotografare col pallottoliere per la conta delle trote......egli, tapino, non sa ancora come andrà a finire......

Ci accampiamo nel solito posto, e come succede da sempre, l'orda famelica si precipita sui viveri.
Si avvicina al nostro gruppo, per curiosità, un pastore di pecore del luogo (con il classico bastone) a cui offriamo un pezzo di focaccia ligure.....rimase così contento e sorpreso che non andò più via..azz!.....(peggio di una piattola...)

Dopo esserci rifocillati a dovere....i Pam sentono prepotente il bisogno di andare a pescare....
Si organizza in gran fretta il "parcheggio" dei viveri rimasti, mogli, fidanzate, figli e parenti, nella spiaggia del Mastallone; soprassiede alle operazioni DC che è un valido organizzatore (è anche un metereologo affidabilissimo) e sceglie il punto esatto con ombra per i viveri e il punto al sole, esente da nuvole, per i famigliari......lo assiste Giorgio (Ironblue) per ogni evenienza.

E qui ricomincia l'odissea, l'incertezza dei due eventi non ben definiti:

3) in quale riserva andiamo a pescare??..

4) come formiamo le squadre??...


Noto nei due ragazzi "nuovi" Valvise e Davide p un certo turbamento mentre i "veterani" si stanno consultando, valutando, come....dove....con chi...con che tipo di permesso....andare a pescare.....
Non so come sia andata a finire.....o cosa abbiano combinato gli altri gruppi, comunque questa che segue è la cronaca del gruppo "profondo sud" + un "nordista" affiliato.

Cronaca di pesca (1°gruppo allo sbaraglio)

Il 1° gruppo di Pam "maturi" (o incoscenti?..boh!) : io,10€, Ghost e Ironblue....decidiamo di andare nella "riserva della Selva" una delle più costose della zona.........10€ esordisce: - "se l'è cara vor di che ghe pes....fidatevi!.." - dopo questa profonda riflessione dovremmo sentirci più confortati...mah!..
Ci avviamo...sentieri assenti!...ci buttiamo giù per una riva ripida e piena di detriti, rovi, rottami etc...ed è qui che forse buco lo stivale di destra....mi accorgerò più tardi......
Acqua di cristallo, corrrenti rapide, sassoni ciclopici da sorpassare, sole incazzato,.....soffriamo in silenzio......azzzo! con il grano che abbiamo cacciato troveremo un posto giusto....o no? (una leggera disperazione mi assale...ma non lo do a vedere)......10€ perde la bottiglietta d'acqua....si accorgerà più tardi quando la sete si farà sentire.....
Io e 10€ ci spostiamo a monte mentre Giorgio e Ghost vanno a valle........intravedo, lontano, la testa di Giò e il lenzuolo di Ghost tra i massi enormi...
Avvistiamo, più su, una bella buca lunga e invitante con una correntina giusta........10€ con i pantawaders è molto disinvolto e avanza sicuro.....mentre io con i cosciali mi butto nella vegetazione e risalgo lungo la riva sperando di arrivare a destinazione.....mi sembra un posto ideale da vipere e sto molto attento a dove appoggio le mani.....
Arrivo all'inizio della buca e, come è mia abitudine, dovuta all'età e alle giunture arrugginite, cerco con gli occhi il sassone giusto per sedermi, mimetizzarmi con l'ambiente e pescare.......
Non ci crederete ma proprio nel punto più interessante e più idoneo per presentare la mosca c'è un pietrone, bello!, grande!, piatto!, giusto per sedersi e al margine del torrente per tenere i piedi al fresco....azzo questo è culo puro!......oppure, non sarà che in una riserva così costosa abbiano predisposto dei punti "speciali" con tutti i confort?....mah!..
Monto la mia mosca antica "Wickham's Fancy" del 14 - finale 0,14 e faccio ballare l'occhio.....al momento nulla, sole a picco, ma intanto studio il filo di corrente più idoneo e il mio istinto mi dice che li, prima o poi, verrà buona.
A valle 10€ sta risalendo piano piano sulla riva opposta alla mia......che fortuna avere i pantawaders!, lo vedo avanzare e frustare in coda alla buca....ha l'acqua all'altezza degli ammenicoli.....come lo invidio per il fresco che starà provando!!..
Mi concentro e faccio la prima passata circa a filo della roccia che ho di fronte.....nulla....provo un filo di corrente migliore......una sagoma scura sale e bolla.....ferro.....la tengo 5/6 secondo poi si slama.....era belloccia dal tiro. Ora sono sicuro di essere nel posto giusto........
Sono le 16 circa....accendo una sigaretta sono contento e gasato.......guardo a valle e azz!.....vedo 10 € che comincia a spogliarsi.....gli faccio un gesto significativo, e lui conferma - "..a mollo completo!!"......gli dico:" mettiti al sole che ti asciughi!......" - mi guarda e, con voce grave, col suo dialetto "varesotto" mi grida qualche cosa ma non capisco....
Mi riconcentro e dopo qualche passata a vuoto....altra bollata....ferro e la tengo....la lavoro un po' vedo che è una bella iridea argentata....la forzo, forse troppo di fretta, e la avvicino a riva, blocco la coda tra le dita (che pirla...) e ravano nella tasca per prendere la digitale........la bastardona, che ovviamente non era ancora domata, fa una puntata supersonica al largo, mi drizza la canna e mi spezza il finale..
Elenco mentalmente alcuni santi a me cari.....ma sono sereno...sono nel posto giusto!!!!....

Mi cella Giorgio e ci avvisa che loro (forse scazzati...forse assetati....) tornano a monte in zona bivacco dove comincia la riserva della Selva...auguro un in bocca al lupo e chiudo.
Intanto Tiziano (10€) si posiziona leggermente a valle, sulla riva opposta alla mia, e dopo aver steso gli indumenti bagnati sulle rocce roventi, si accuccia in una insenatura tra le rocce e frusta.......Tiziano è uno che, qualsiasi cosa gli succeda, non molla mai.....è una macchina da pesca

Monto un tip dello 0,16 e la solita mosca, pensando che se bollano sotto sera sarò più sicuro ...visto la "pezzatura" delle trote.
Guardo Tiziano ha la canna piegata....molto piegata.......appoggio la mia canna e preparo la digitale pronto ad immortalare la preda...è una bellissima fario.
Tiziano è "bagnatissimo" ma contento.....potremmo dire che sprizza acqua da tutti i pori!!!..
Poche mosche in schiusa, alcune sedge e qualche effimerina piccola; bollate rarissime.
Qualche nuvola ogni tanto oscura il sole e ci rendiamo conto che, quando succede, le trote diventano più attive
Ne aggancio un'altra.....è un'iridea sui 35.....che rilascio rapidamente.
Anche Tiziano ha di nuovo la canna piegata, questa volta è una marmorata di buona pezzatura che immortalo con la digitale.
L'afa ci avvolge e non abbiamo una goccia d'acqua...azz!.....per fortuna guardando sulla riva in ombra scorgo tra l'erba un tappeto di fragoline di bosco.....e piuttosto che niente anche quelle aiutano ad alleviare la secchezza della gola.
Invito Tiziano ad attraversare in modo che sotto sera siamo ambedue sulla riva della strada.......ci riesce, guadando più a monte della buca, rischiando di fare un'altro bagno.....quando è di qua lo accompagno al "Bar" a mangiare le fragoline di bosco che in una situazione così "secca" è un dono di Dio..
Saranno state poco più delle 17 quando sentiamo, su vicino a strada, come un ululato animalesco.......ci giriamo e attraverso la vegetazione, chi vediamo?: la vecchia Nutriazza che si sbraccia e ci saluta.....dopo averci fotografato di sorpresa.

Dalla strada a noi c'è una riva in piedi, molto ripida, rami contorti, rocce in bilico.........gli diciamo di scendere dal sentiero indicandoglielo vagamente........noi non sapevamo assolutamente da dove salire o scendere in quel punto.......bè non ci crederete, ma dopo un po' di tempo, vediamo comparire sulla riva quella vecchia lenza della Nutriazza che era riuscito ad aprirci e ad aprirsi la "pista" per il ritorno!!!!!!!.....lo salutiamo calorosamente e lo portiamo al nostro "bar"........ma il bello deve ancora venire!!!!!!!

Ci rimettiamo a pescare e Gianfranco ci fa qualche foto...
Faccio la solita passata nel punto "TOP".(ovviamente seduto sul mio sassone...)....mi bolla.....ferro....E' UN TRENO IMPAZZITO!!......sento il gracidare del mulinello mi sfila un bel po di coda....piano piano comincio a recuperarla....non è d'accordo..
Gianfranco è eccitato e comincia a fotografare....poi inserisce filmato....poi lo toglie mette foto...poi filmato...
Piano piano la pompo verso riva è una iridea di quelle vecchie si intravede sott'acqua la banda rossa laterale.......riparte verso valle....salta due o tre volte......e tira e molla finalmente riesco a sfiancarla e Gianfranco la fotografa.....le faccio un po' di respirazione poi guizza via come un razzo....

Personalmente ero già soddisfatto della giornata, fumo una bella siga, ascolto i soliti commenti " che cu che te ghe! ....etc."
Metto una mosca asciutta, passata...bolla...ferro.....altra bella iridea un po' più piccola ma molto "saltante".....
Gianfranco:" Ancora!...elamadona!!!.. " e scatta.. filma....scatta....filma tutto.....
Tiziano aggancia anche lui una buona poi dopo un po' una piccola sui 25cm...e mentre la recupera viene inseguita da un "mostro", che gli arriva fin sotto i piedi....azzz!.
Sono le 18 passate, Gianfranco ci saluta e ritorna dagli altri amici....ricordandoci di essere su alle 19 per la cena.
Da quel momento non cucchiamo più nulla.......
Che sia stata la presenza "pregnante" della vecchia Nutriazza?....mah!
Alle circa 19 chiudiamo la battuta di pesca stanchissimi ma soddisfatti, infiliamo la pista aperta da Gianfranco e torniamo al bivacco

Ci ritroviamo tutti al parcheggio dove avviene la "svestizione"....e come succede tutte le volte, c'è il solito esibizionista che vuol far vedere la "tartaruga " degli addominali...azzz!!

Ci ritroviamo distrutti, almeno da parte mia, ma felici al ristorante di Marco dove in attesa della "paciata" ci raccontiamo le avventure/disavventure della giornata......nel frattempo cerchiamo di recuperare "liquidi" persi in giornata; per la cronaca 10€ non si sentiva disidratato....che fisico ha quel ragazzo!..

La cena di Marco squisitissima e raffinatissima....almeno quella parte di cena che il gruppo "profondo sud" ha potuto gustare perchè per evidenti problemi di rientro, alle 22, o poco più, siamo dovuti ripartire a malavoglia verso casa.....azzzz!
Un saluto a tutti, un grazie a Marco e come usiamo dire noi del "gruppo pittoresco ":
" alla prossima zingarata!!!! "..


Rinaldo Morellato


© PIPAM.com